Città scienza, domenica il flash mob con Edoardo Bennato

++ CITTA' SCIENZA: NON SI ESCLUDE PISTA DOLOSA ++

Un vertice è in corso in Procura per fare il punto sulle indagini sull’incendio di Città della Scienza. Partecipano il procuratore, Giovanni Colangelo, l’aggiunto Giovanni Melillo, il pm della Dda Michele Del Prete ed investigatori di polizia e carabinieri. Gli inquirenti sono in attesa degli esami sui rilievi affidati alla polizia scientifica, ma sull’ipotesi del dolo non sembrano ormai esserci dubbi in base a una serie di elementi relativi alle modalità e ai tempi estremamente rapidi con cui l’incendio si è propagato.

Un flash mob per Città della Scienza, con maglie bianche e lutto al braccio. Il popolo della rete reagisce e si dà appuntamento per domenica 10 marzo alle 11 davanti ai cancelli del museo di Bagnoli. A lanciare sui social network l’idea sono stati semplici cittadini, utenti della struttura. Attraverso Facebook e Twitter stanno raccogliendo migliaia di adesioni. “E’ giunto il momento di dire basta – si legge nel manifesto creato per l’iniziativa -. Basta a chi vuole depredarci ancora. Basta a chi continua a rubarci il futuro. Basta a chi continua a giocare con le nostre vite. La parte sana dei napoletani deve dire basta”. Le adesioni al momento sono quasi seimila.

“Lotterò perché la Città della Scienza di Napoli venga ricostruita” dice il cantautore Edoardo Bennato. Bennato, che è cresciuto nell’area di Bagnoli e tuttora ci vive, ha spiegato il suo attaccamento al centro culturale napoletano distrutto da un incendio doloso nella notte tra il 4 e il 5 marzo: “Ho un’unica figlia, di 7 anni – continua l’artista – e da quando era piccolissima l’ho portata alla Città della Scienza, che era una perla, un centro di cultura strutturato benissimo”. Da genitore e da intellettuale che ha scelto di restare a Napoli, Bennato sottolinea il valore culturale della Città della Scienza. “Spero che possa continuare – ha detto nell’intervista con Radio3 – perché la ricerca scientifica parte proprio dai ragazzi. Molti di quelli che ci sono andati o che ci andranno, inclusa mia figlia, magari sono gli scienziati del futuro. E non ci scordiamo che sono gli scienziati che ‘portano avanti la baracca’ della famiglia umana”.

“Napoli ce la può fare, il vuoto in quel luogo deve essere colmato, come ha detto Il Presidente della Repubblica” spiega il ministro della Giustizia Paola Severino. Il guardasigilli, oggi a Napoli per incontri con il mondo delle associazioni antiracket e delle imprese, ha deciso di aggiungere un’altra tappa alla sua agenda e di recarsi, tra poco, nel luogo del rogo. “Napoli ce la farà, è il mio messaggio forte, di grande solidarietà e vicinanza ai napoletani che si sentono smarriti ma sanno che dentro di loro possono trovare le forze per farcela. La città ha risorse per farlo e non deve ricorrere solo a quelle pubbliche, perché qui ci sono forze private straordinarie che sanno produrre per se stesse e per il pubblico”, conclude.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Andrea Camilleri all'Università di Cagliari

Next Article

Sostenibilità alimentare, Barilla scende in campo coi ragazzi

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".