Chiusi i lavori della V assemblea nazionale Rete della Conoscenza: “Ripartiamo verso il diritto allo studio universale”

riot

Si sono svolti dal 31 luglio al 2 agosto i lavori della V Assemblea Nazionale della Rete della Conoscenza, il network dei soggetti in formazione cui aderiscono l’Unione degli Studenti e Link – Coordinamento Universitario. Centinaia di delegati da tutta Italia hanno partecipato alle commissioni, all’assemblea plenaria e alle altre attività, inserite nell’ambito di Riot Village, il campeggio studentesco.

Molti i temi all’ordine del giorno della discussione, dal ruolo della conoscenza nella trasformazione del sistema produttivo al rilancio delle vertenze sul welfare e per il reddito, da una rinnovata critica all’Europa dell’austerità al protagonismo nell’opposizione sociale alle politiche del Governo Renzi. Ed è proprio sul Governo Renzi che si sono concentrate le critiche delle studentesse e degli studenti della Rete, con un’analisi approfondita sui provvedimenti più caldi: dal Piano Scuola al Jobs Act, passando per le riforme costituzionali.

Al termine dell’assemblea sono state rinnovate le cariche sociali, tra le quali il nuovo Esecutivo Nazionale, composto da Riccardo Laterza (Portavoce Nazionale), Giuseppina Tucci (Responsabile dell’Organizzazione), Guido Cioni e Carmen Guarino.

“Il lavoro dell’organizzazione – dichiara Riccardo Laterza – riparte fin dall’inizio dell’anno scolastico con la costruzione, nelle scuole e nelle università, di una mobilitazione ampia che, nel semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea, sappia porre all’ordine del giorno il tema del diritto all’istruzione gratuita e del contrasto reale alla precarietà sempre più dilagante, anche con la costruzione di un sistema di welfare universale”.

“Ancora una volta le studentesse e gli studenti possono essere il motore per la trasformazione dell’Europa e del nostro Paese. Non ci rassegniamo ad essere confinati in una riserva indiana da chi ci dipinge come conservatori e contestatori a prescindere, abbiamo le idee chiare per ribaltare il nostro presente di precarietà”, conclude Laterza.

L’organizzazione ha infine rivolto i propri ringraziamenti a Federico Del Giudice e Alessandra Ricupero, che hanno terminato il loro mandato rispettivamente di Portavoce Nazionale e di Responsabile dell’Organizzazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quota 96, il commento degli insegnanti: "Illusi e beffati"

Next Article

"Tratteniamo i migliori talenti". Il MIUR stanzia 11 milioni per i dottori di ricerca

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Un’intera classe in sciopero contro il compagno bullo. I genitori: “Da due anni i nostri bambini vivono in un incubo”

Scoppia la protesta contro il bullismo in un istituto di Jesi, in provincia di Ancona. Quattordici genitori decidono di non mandare più i loro figli a scuola per la presenza di un bambino che avrebbe atteggiamenti violenti contro di loro, denunciando denti rotti, Amuchina negli occhi, insulti e minacce. La preside: "Problema c'è ma è stato ingigantito".