Casa dello studente di Latina, si rischia la chiusura

Casa dello studente

Una mozione è stata presentata ieri, al Comune di Latina, per tentare di bloccare la chiusura della “Casa dello Studente”. Il Consigliere comunale del PD e Presidente della Commissione Trasparenza, Omar Sarubbo, chiede così ai vertici dell’amministrazione della cittadina di occuparsi della questione.

La “Casa dello Studente” rischia la chiusura a causa delle difficoltà economiche in cui è incorsa Laziodisu, l’ente che ne gestisce le attività, e che si trova a dover gestire alcuni debiti contratti con l’Ater di Latina (proprietaria dell’immobile) e con la ditta appaltatrice di servizi interni.

La Casa, che ospita 48 studenti fuorisede e che dà lavoro in modo diretto a 6 persone, è attiva da oltre 10 anni grazie ad un contributo regionale di 2 milioni e mezzo di Euro, ed è sempre stata un esempio di eccellenza e buona gestione – oltre a rappresentare un luogo di aggregazione funzionale alle esigenze socio-abitative dei giovani.

Nella mozione si fa riferimento all’importanza del valore sociale e culturale della struttura, in considerazione del quale si richiede l’istituzione, se necessario, di un tavolo di confronto con il Sindaco, le istituzioni interessate, i rappresentanti degli studenti e dei lavoratori “al fine di approfondire la conoscenza delle problematiche esposte e per intraprendere ogni eventuale azione necessaria a scongiurare l’ipotesi di chiusura”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contemporanea - Riflessioni dal presente al Todi Festival

Next Article

Gli studenti più bravi d'Italia all'Accademia dei Lincei

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.