Campagna di comunicazione "Scuola, al via le iscrizioni per l’anno scolastico 2020-2021"

La campagna, promossa dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, ha l’intento di ricordare ai genitori le iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Ai sensi dell’articolo 7, comma 28, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito nella legge 7 agosto 2012, n.135, le iscrizioni alle istituzioni scolastiche sono effettuate dalle famiglie, attraverso una procedura on line.
Obiettivi
Le iscrizioni on line sono obbligatorie, quindi, per tutti gli alunni che il prossimo anno scolastico devono frequentare la prima classe della scuola primaria e della scuola secondaria di I e II grado. Le iscrizioni on line riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali (nelle Regioni che hanno aderito: Calabria, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria Veneto). Per le scuole dell’infanzia la procedura rimane cartacea. Per le scuole paritarie resta facoltativa l’adesione al sistema delle ‘Iscrizioni on line’.
Target
I destinatari della campagna sono le famiglie che devono iscrivere una figlia o un figlio per il prossimo anno scolastico alla prima classe della scuola primaria o della scuola secondaria di I e II grado e i soggetti interessati ai corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali.
Contenuto messaggio
La campagna espone i passaggi principali della procedura per le iscrizioni on line, le date utili e il sito istituzionale dove trovare tutte le informazioni necessarie per l’iscrizione.
Strumenti e mezzi
Diffusione sulle reti Rai (spot tv e radio) su La7 e sui canali social Miur.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Come diventare Attore in Italia per cinema, teatro, tv

Next Article

Sostegno alle startup innovative, al via il nuovo Smart&Start Italia

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.