Bullismo, studente pestato dal branco ai Parioli di Roma

Pestato da un bullo ai Parioli, quartiere bene della Capitale, dopo essere stato accerchiato dal branco. Prima la presa in giro ‘ma come ti vesti?’ e poi le botte da parte di un coetaneo che abita in periferia, “protetto” da un gruppo di amici con cui era arrivato a piazza delle Muse, luogo di ritrovo dei cosiddetti ‘pariolini’.
L’episodio è accaduto a fine ottobre ma oggi i carabinieri della compagnia Parioli hanno arrestato l’aggressore eseguendo un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni di Roma. Gli investigatori lo hanno individuato al termine di un’indagine che ha consentito di ricostruire cosa è accaduto quella sera: prima il pretesto dei vestiti indossati per offenderlo, poi una testata e i pugni che hanno procurato al ragazzo gravi lesioni.
Il minorenne è stato sottoposto a un intervento chirurgico. I Carabinieri sono riusciti anche ad accertare che l’aggressore ha agito “sotto protezione” di alcuni amici che accerchiarono la vittima.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2018, l'Alternanza scuola-lavoro non è più obbligatoria per l'ammissione

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 30 aprile

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident