Borse di studio alla Sapienza e a Siena: una marea di opportunità a gennaio

Pioggia di borse di studio in arrivo alle università. Apre le danze la Sapienza di Roma, che mette a disposizione ben 123 assegni per il Sort, il sistema di supporto al sistema di orientamento e tutoraggio. Saranno 150 le ore spalmate da febbraio a dicembre 2013, per una retribuzione totale di 1100 euro. Gli assegni sono così distribuiti: 10 posti per la facoltà di architettura, 7 per il dipartimento di economia, 20 per lettere, filosofia, scienze umanistiche e studi orientali, 5 per giurisprudenza, 19 per ingegneria, 11 per farmacia e medicina, 14 per medicina e psicologia, 14 per il dipartimento di scienze matematiche, fisiche e naturali, 15 per il dipartimento di scienze politiche, 3 per il servizio di orientamento centrale.

Per partecipare al bando occorre essere iscritti alla Sapienza da almeno due anni, ed aver ottenuto 2/5 del totale dei crediti formativi. Il bando è rivolto sia agli iscritti alle lauree triennali che a quelle magistrali. Scadenza? 9 gennaio 2013. Per maggiori informazioni visita il sito https://www.uniroma1.it/didattica/borse-di-studio/borse-di-collaborazione/bandi-borse-di-collaborazione

Buone notizie arrivano anche dall’Università di Siena. Sono tante, infatti, le scadenze previste per gennaio. In primis, scade il 7 gennaio l’avviso pubblico per un tirocinio formativo con rimborso spese, sotto forma di borsa di studio, presso il dipartimento di Ingegneria dell’informazione e Scienze matematiche.

Il 15 gennaio, invece, scade il bando per una borsa di ricerca riservata ai laureati in Biotecnologie per la Salute Umana, Biotecnologie Mediche, Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria, Farmacia, CTF, Chimica e Biologia Sanitaria. Il vincitore sarà impegnato in attività di ricerca per 12 mesi a supporto del progetto “Identificazione di sistemi di uptake ed efflusso di farmaci antimicrobici”.

Sempre il 15 gennaio è l’ultimo termine per partecipare al concorso per l’attribuzione di una borsa di ricerca destinati ai laureati nell’ambito delle Scienze della Terra. Il vincitore sarà impegnato in attività di ricerca presso il Museo nazionale dell’Antartide.

Ancora, il 15 gennaio è la data di chiusura dei bandi per una borsa di studio e ricerca destinata ai laureati in Farmacia o Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, e una riservata ai soli laureati in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche.

Il bando per una borsa di ricerca per laureati in Biologia o Scienze e Tecnologie per l’Ambiente ed il Territorio ha scadenza il 16 gennaio, e impegnerà per 6 mesi il vincitore in “Indagini ecotossicologiche non invasive su esemplari mediterranei di rettili e mammiferi marini free ranging ed analisi del marine litter su esemplari spiaggiati”.

Tutti bandi e la modulistica sono disponibili on line sul sito dell’Ateneo, all’indirizzo www.unisi.it/didattica/borse

Per informazioni: Ufficio Borse e premi di studio, Via Bandini 25, tel. 0577 232421-232365-232369, [email protected]

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Computer e cellulare renderanno smart le città

Next Article

Da gennaio addio agli stage gratis in azienda

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.