Bologna canta per salvare un manoscritto

text.jpgUna serie di concerti per restaurare e digitalizzare il manoscritto “Dioscorides, Materia Medica”. Dal 17 aprile al 5 giugno saranno 4 gli eventi musicali che si terranno nell’aula magna della Biblioteca Universitaria dell’Alma Mater in Via Zamboni.
L’idea è venuta alla Direttrice dell’istituzione Biancastella Antonio e mira a reperire i fondi necessari per avviare una serie di interventi conservativi con lo scopo di preservare dalle insidie del tempo e della memoria uno tra i più importanti trattati di farmacologia e astronomia mondiale ovvero il manoscritto greco n ° 3632 risalente al XV secolo, ricco di tavole illustrate e disegni acquerellati dall’incredibile realismo; si opererà in due direzioni: un intervento fisico sull’opera ed uno di digitalizzazione per consentirne una rinnovata fruibilità.
Gli eventi, quattro in totale, saranno concerti di musica da camera che spazieranno su un repertorio di sicuro fascino: da Astor Piazzolla a Beethoven e vedranno impegnati sette musicisti tra i quali il violinista Maurizio Sciarretta che chiuderà la kermesse il 5 giugno accompagnato da Roberta Ropa al pianoforte. Il costo è di 10 € per ogni serata (quota minima) o 35 € per tutte e quattro; info allo 051.20.88.300/310 oppure www.bub.unibo.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tappa romana a Sdc per Nokia University Program

Next Article

Casamonti a Siena, guardando all'Expo

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".