Biodiversità, patrimonio universale

Presso l’Università degli Studi di Salerno la “Settimana della biodiversità” per celebrare la varietà degli organismi viventi.

Lunedì 8 novembre presso l’Università degli Studi di Salerno parte la “Settimana della biodiversità”, una cinque giorni di mostre, seminari e convegni per celebrare la varietà degli organismi viventi.
Biodiversità e ricerca: investire nelle aree protette” è il tema scelto dall’ateneo in collaborazione con la Regione Campania proprio in occasione dell’anno internazionale della biodiversità. La diversificazione delle specie viventi è considerata patrimonio universale e proprio di questo si discuterà nella settimana e in particolar modo nella prima giornata intitolata “Dalla conferenza delle parti alla strategia nazionale per la biodiversità”. In questo primo appuntamento interverranno, tra gli altri, il Magnifico Rettore Raimondo Pasquino, il Presidente Area Didattica Scienze Ambientali UNISA Anna Alfani, la Preside della Facoltà di Scienze MM.FF.NN Maria Transirico e Roberto Scarpa Direttore del CISA (Centro Interdipartimentale di Scienze Ambientali UNISA ).
Molto interessante l’appuntamento del 10 novembre Biodiversità-Informazione, Formazione e Comunicazione” che vedrà la Regione Campania e il CISA insieme ad un tavolo di lavoro in cui si discuterà di informazione del mondo dei giovani e formazione diretta alla salvaguardia del pianeta. Nella giornata conclusiva, la tavola rotonda “Verso la rete ecologica regionale” lancerà le basi per un atteggiamento e una politica di conservazione e protezione ambientale.
Per conoscere il dettaglio il programma clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pioggia di decreti presidenziali al TAR

Next Article

I giovani: opportunità di cambiamento

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"