Bicocca, formazione in tv per i futuri chirurghi

Addestramento in tv per i chirurghi che si specializzano all’università di Milano-Bicocca. I futuri maghi del bisturi potranno seguire gli interventi a distanza, trasmessi in diretta da una sala operatoria integrata inaugurata questa mattina dal rettore Marcello Fontanesi, dal preside della Facoltà di medicina e chirurgia Andrea Stella, e dal direttore generale dell’ospedale San Gerardo di Monza Francesco Beretta.

La sala operatoria, spiega l’ateneo milanese, diventa così «uno spazio didattico nel quale possono entrare virtualmente anche 20 chirurghi specializzandi tutti insieme». In realtà gli studenti sono lontani anche chilometri, ma possono vedere da vicino, come fossero presenti sul posto, grazie a immagini video-trasmesse «con una definizione e nitidezza altissime». «Aver dotato la nostra Facoltà di questo strumento – sottolinea Stella – rappresenta un vantaggio enorme nella formazione, per tutti gli studenti dei corsi di laurea, ma specialmente per gli specializzandi». Le aule attrezzate a ricevere le immagini sono due: un’aula didattica da 30 posti all’ospedale San Gerardo, dove si tengono le lezioni per gli specializzandi, e l’Aula 5 nell’Edificio U8 della Facoltà di medicina e chirurgia, da 169 posti. Una prima prova del funzionamento del nuovo sistema integrato è stata data oggi durante l’inaugurazione, con la trasmissione di due interventi chirurgici dalla sala operatoria all’Aula 5.

«Un computer che gestisce nella sala operatoria tutte le apparecchiature, compresa la strumentazione elettronica – afferma Angelo Nespoli, direttore della Scuola di specializzazione in chirurgia generale della Bicocca – è stato integrato con la funzione di ripresa e trasmissione diretta di immagini in aula e in videoconferenza in streaming, con accesso libero, quindi, anche per tutti gli studenti dell’università e delle sedi distaccate. La caratteristica distintiva di questa nuova conquista tecnologica in sala operatoria è il livello di qualità e alta definizione raggiunto nelle immagini, che forniscono ai docenti in aula un nuovo strumento di grande utilità nella trasmissione del mestiere ai futuri chirurghi». Fonte: Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Traduzione e doppiaggio per la comunicazione internazionale

Next Article

Sapienza, nuovo centro di ricerca di Medicina dello sport

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".