Bicocca, aperto ambulatorio ginecologico

Screening ginecologico gratuito per le studentesse e le lavoratrici dell’Università di Milano-Bicocca

Screening ginecologico gratuito per le studentesse e le lavoratrici dell’Università di Milano-Bicocca. Per due volte al mese le ragazze dell’ateneo potranno usufruire gratuitamente di visite ginecologiche, pap test, consulenze vaccino per il papilloma virus, consulenze contraccettiva, consulenze menopausa e consulenze per le problematiche uro-ginecologiche.
Il servizio, promosso e organizzato dal Comitato per le Pari Opportunità dell’Università di Milano-Bicocca, è realizzato con la collaborazione della struttura complessa di Ginecologia del presidio ospedaliero E. Bassini di Cinisello Balsamo, e sarà svolto nel nuovo ambulatorio medico allestito nei locali del Comitato per le Pari Opportunità nell’ edificio U17 di piazza Padre Beccaro, situato nel cuore del Campus Bicocca.
Il nuovo servizio di screening ginecologico si affianca agli altri servizi di sostegno e aiuto già attivati dal comitato per le Pari Opportunità, che offrono supporto per mettere a fuoco le difficoltà e per costruire percorsi atti a uscirne, eventualmente indicando, all’interno dell’Università o sul territorio, le strutture pubbliche a cui rivolgersi per affrontare le discriminazioni subite o per ricevere sostegno legale e psicologico.
Inizialmente l’ambulatorio sarà aperto una volta al mese, il martedì o il venerdì dalle 15 alle 17.30.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Speranza di diritto

Next Article

Spin off universitari. Sostenibilità e informatica giuridica

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.