Audizione in Procura per Guarini e Montaguti

L’ex rettore della Sapienza Renato Guarini e il direttore generale del Policlinico Umberto I Ubaldo Montaguti saranno interrogati (come indagati) rispettivamente il 7 e il 9 luglio prossimi dal pm Maria Cordova nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte irregolarità legate alla gestione dell’ateneo e dell’ospedale.
Ieri il magistrato, nel quadro del filone di indagine denominato ‘parentopoli’, ha interrogato Paola Guarini, figlia dell’ex rettore, e il marito Luigi Stedile. Entrambi sono indagati per abuso d’ufficio in relazione agli incarichi di ricercatore universitari (architettura) loro assegnati tra il 2002 e il 2005. Il sospetto degli inquirenti è che dietro quegli incarichi ci sia un giro di favori legato all’affidamento di appalti.
I due indagati, assistiti dall’avvocato Roberto Borgogno, hanno rivendicato oggi la regolarità della loro partecipazione ai concorsi e gli incarichi ricevuti. A sostegno di quanto sostenuto hanno depositato una memoria difensiva contenente, tra l’altro, una sentenza del Consiglio di Stato che dichiara l’illegittimità del decreto legge che disciplina i requisiti per la partecipazione ai concorsi.
Montaguti e Guarini sono indagati per abuso d’ufficio in relazione ai compensi percepiti dallo stesso Montaguti e ritenuti superiori al dovuto. Non solo, entrambi sono iscritti anche per peculato e truffa per l’assegnazione al direttore generale del Policlinico, nel 2006 e senza che ne avesse titolo, di 62 mila euro a titolo di indennità per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, scuola estiva dedicata alla scienza

Next Article

Scuola: tagli sì, ma anche no

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.