Assunzioni nelle Forze dell’Ordine: 3.900 posti

Sono oltre 3.900 i posti di lavoro in Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Guardia di Finanza da coprire, anche mediante nuovi concorsi. Si tratta degli inserimenti autorizzati dal Decreto Rilancio per il 2020, da portare a termine entro il 31 dicembre 2021.

Ecco tutte le informazioni e cosa sapere sulle assunzioni nelle Forze dell’Ordine in arrivo.

FORZE DELL’ORDINE ASSUNZIONI 2020-2021

Il Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34, ossia il c.d. Decreto Rilancio, ha autorizzato, infatti, nuove assunzioni nelle Forze dell’Ordine. Si tratta di inserimenti già previsti da precedenti decreti e Leggi di Bilancio, legati al normale turnover del personale e alla necessità di incrementare l’organico delle Forze Armate e di Polizia, e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco. Terminata la momentanea sospensione delle procedure concorsuali dovuta alle disposizioni anti contagio legate all’emergenza epidemiologica da Covid-19, il DL Rilancio ha quindi sbloccato le assunzioni e le relative procedure concorsuali, introducendo anche delle novità per i concorsi.

Sono più di 3.900 i posti di lavoro per Poliziotti, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Finanzieri, e nella Polizia Penitenziaria, che saranno coperti entro l’anno prossimo. Tra i prossimi bandi in uscita ci sono nuovi concorsi Vigili del Fuoco per più di 492 assunzioni, che saranno banditi nei prossimi mesi.

POSTI DISPONIBILI

Le assunzioni in Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco e Guardia di Finanza previste dal provvedimento serviranno alla copertura dei seguenti posti di lavoro nelle Forze dell’Ordine:

  • n. 1.095 posti – Carabinieri;
  • n. 939 posti – Polizia di Stato;
  • n. 875 posti – Vigili del Fuoco;
  • n. 552 posti – Guardia di Finanza;
  • n. 463 posti – Polizia Penitenziaria.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bologna, il rettore: "Università del mondo chiedano la libertà per Zaky"

Next Article

Azzolina, scuse dopo gaffé scuola-appartamento a Scampia. I docenti: "Al Sud mancano investimenti non spazi"

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.
Leggi di più

A gennaio previsti 500mila nuovi posti di lavoro ma operai, artigiani e tecnici restano i profili più introvabili dalle aziende

Secondo Unioncamere-Anpal ad inizio 2022 ci potrebbero essere più di mezzo milione di nuovi posti di lavoro (1,2 fino a marzo) ma le imprese fanno fatica a trovare i profili giusti. Mancano operai del settore edile, tecnici del legno, operatori tlc. E così quattro posti di laovro su dieci restano desolatamente vuoti.