Apple ha violato quattro brevetti: condannata a risarcire 837 milioni di dollari a un’università della California

L’ateneo aveva intentato causa nel 2016 sostenendo che componenti elettronici prodotti da Broadcom e utilizzati da Apple per iPhone, iPad e Mac fossero stati copiati da brevetti dell’università
Apple e Broadcom sono state condannate da una giuria di Los Angeles. Le due multinazionali dovranno risarcire, rispettivamente 837 e 270 milioni di dollari a favore del California Institute of Technology, il celebre Caltech di Pasadena, per aver violato quattro brevetti depositati dall’università sulla trasmissione via wi-fi: l’istituto aveva intentato causa nel 2016 sostenendo che componenti elettronici prodotti da Broadcom e utilizzati da Apple per iPhone, iPad e Mac, fossero stati copiati da alcuni brevetti dell’università. Apple aveva negato qualsiasi accusa, sostenendo comunque di non aver creato danni agli inventori dei brevetti.
Caltech, invece, si è detta soddisfatta del verdetto della giuria di Los Angeles: “In quanto istituto di istruzione superiore senza fini di lucro, Caltech è impegnata a proteggere la sua proprietà intellettuale“. La scorsa settimana Broadcom, con sede a San Jose, ha annunciato di aver raggiunto accordi per fornire componenti ai dispositivi Apple rilasciati per i prossimi tre anni: un accordo che per la multinazionale potrebbe generare entrate per 15 milioni di dollari.
Solo ieri Apple aveva raggiunto numeri da record: il suo titolo a Wall Street vola ai massimi di sempre, oltre 327 dollari ad azione. Merito soprattutto dei nuovi modelli dell’iPhone (che hanno fatto guadagnare all’azienda 56 miliardi di dollari), dell’Apple Watch e degli Air Pods,con un boom di vendite senza precedenti. Ma anche della ripresa delle vendite in Cina, dove la multinazionale produce gran parte dei suoi prodotti: così negli ultimi tre mesi le entrate sono ammontate a 91,8 miliardi di dollari, con un balzo del 9% che ha generato utili netti da primato per 22,4 miliardi di dollari (+11,4%), il primo aumento in oltre un anno dopo la più lunga serie negativa dal 2016. “È stato un trimestre di grande successo su tutti i fronti”, hanno commentato Tim Cook, a capo dell’azienda più ricca del mondo, e il responsabile finanziario Luca Maestri.
ilfattoquotidiano

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A scuola con mezzi pubblici, a Messina dimezzati costi abbonamenti studenti e lavoratori

Next Article

Università, nasce a L’Aquila il primo corso di laurea in Protezione civile

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.