Annalisa Liparoti di Petronà si laurea a distanza con tesi su 5 copertine dei Pink Floyd

Annalisa Liparoti è neolaureata in Scienze della Comunicazione all’università di Bologna.

Né amici né colleghi, vietati i  baci e gli abbracci: solo un computer in collegamento streaming e, a debita distanza, mamma Sara e papà Gino.

Non è così che Annalisa Liparoti, anni 22, aveva  immaginato la sua tanto desiderata  laurea, ma è pur sempre un traguardo prestigioso  e, in tempi di pandemia, è qualcosa che scalda il cuore, anche da lontano.

La laurea tanto attesa si è svolta nella giornata di martedì 17 marzo 2020, Annalisa Liparoti, proclamata dottoressa  in Scienze della Comunicazione, presso la prestigiosa università Alma Studiorum di Bologna.

La candidata di Petronà, in collegamento dalla sua abitazione, ha incentrato la sua tesi sulla comunicazione visiva, in particolare su cinque copertine della band Pink Floyd.

Nonostante il coronavirus, nonostante la quarantena, nonostante il distanziamento umano, Annalisa è felice come un bambino dinnanzi al suo balocco preferito.

Mi sono collegata – ha detto la neodottoressa di Petronà – tramite microsoft terms, purtroppo potevano assistere alla proclamazione in streaming solo tre “ospiti”. Sono stati: mio fratello Benedetto e la sua famiglia, una mia amica di Bologna e le mie coinquiline. Qui a Petronà con me c’erano i miei genitori, le mie nonne e le mie amiche d’infanzia. Abbiamo festeggiato, ma a distanza perché sono in quarantena e quindi bisogna rispettare le restrizioni. Dedico la mia laurea alla città di Bologna, dedico questa laurea al mondo intero in un momento così buio, dedico questa laurea alle mie amiche e, soprattutto, ai miei familiari, compresa la mia nipotina Sara: senza di loro non ce l’avrei mai fatta”.

ilraventino

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus tutto quello che c’è da sapere

Next Article

Coronavirus, la laurea di Ilaria: tesi discussa in casa e dirette con i parenti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.