Ancora scritte omofobe al Liceo Socrate

scritte omofobe

Dopo solo quattro giorni dalla Giornata mondiale contro l’omofobia, all’ingresso principale del Liceo Socrate di Roma è stata ritrovata una scritta contro i gay.
Al centro della scritta è stata anche disegnata con della vernice una croce celtica.

” C’è un gruppo organizzato che mira ad offendere il Liceo Socrate ed i suo studenti – sottolinea il Gay center. “Proprio in questi giorni sono state fatte le proiezioni dei video degli studenti del Socrate realizzate con il Gay Center nell’ambito del progetto realizzato con il Ministero delle Pari Opportunità e l’Unar: Laboratorio Rainbow”. ‘

‘In particolare, nel video dello scorso anno, “Discriminaction”, i ragazzi del liceo raccontavano di una coppia gay che vedeva uno di loro ucciso per omofobia. Nei video di quest’anno, uno studente gay della scuola racconta la sua vita in bianco e nero che si colora solo quando accetta se stesso.

 ”Questo ulteriore episodio delle scritte al nostro Liceo Socrateè  inaccettabile” – afferma il vicepreside dell’istituto, Mauro Castellani. In queste ore stiamo sporgendo denuncia e chiediamo alle forze dell’ordine di identificare i colpevoli affinchè queste scritte non si ripetano più”.

Il 28 febbraio scorso, nello stesso liceo, alla riapertura dell’istituto dopo le elezioni regionali, professori e alunni denunciarono la comparsa di alcune scritte contro gli omosessuali. Allora intervenne anche il neoeletto presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, che annuncio’ un ”vasto piano d’azione contro l’omofobia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Stage, contratti a tempo perso"

Next Article

"Tasse speciali" all'Università di Sassari. E' polemica

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident