Amazon, con Un Click per la scuola raccolti quasi 2 milioni di euro per quasi 29mila scuole

Si chiude la prima edizione dell’iniziativa per donare una quota sugli acquisti in ecommerce alla propria scuola o a quelle dei propri figli. Tra gli istituti con più crediti virtuali, il Montezemolo a Roma e il Leonardo da Vinci a Milano

Dare un contributo alla propria scuola — o a quella dei propri figli — per ogni acquisto fatto online. Questa è la base dell’iniziativa tutta italiana Un Click per la Scuola che Amazon ha appena concluso: sette mesi in cui ogni utente ha potuto donare indirettamente una percentuale per dare all’istituto scelto un «credito virtuale». Nei primi due mesi le donazioni avevano già coinvolto il 33% delle scuole italiane. Ora un Click per la scuola, alla sua prima edizione, è giunta al termine ed è ora di fare un bilancio. In totale sono stati raccolti 1,9 milioni di euro divisi per oltre 28.900 scuole su tutto il territorio nazionale. Una cifra importante per «acquistare prodotti utili all’attività didattica e al miglioramento dell’infrastruttura scolastica», afferma Giorgio Busnelli, responsabile della categoria Media per Amazon in Italia e Spagna. Definisce «un grande successo» l’iniziativa e ne spiega le motivazioni: «La lunga durata del progetto e l’ampia selezione di prodotti per le scuole sono solo due delle caratteristiche che i nostri clienti hanno apprezzato molto di questa iniziativa, oltre all’esperienza interamente digitale, che ha permesso a tutte le scuole d’Italia di partecipare e ai clienti di scegliere di supportare la propria scuola preferita, a prescindere dalla città in cui si trovano».

Prospettive future

Le scuole avranno tempo fino ad aprile per poter sfruttare il loro credito virtuale e acquistare ciò che è loro più utile scegliendo in un catalogo di oltre mille proposte, tra cui attrezzatura elettronica, cancelleria, ma anche articoli sportivi, giochi o strumenti musicali. E per l’anno prossimo? «Al momento non abbiamo ancora fatto nessun annuncio a riguardo ma posso dire che questa prima edizione di Un Click per la Scuola è andata al di là delle nostre aspettative e l’aver potuto sostenere con queste donazioni in crediti virtuali una scuola italiana su due ci riempie di orgoglio. Questo è un forte stimolo per sviluppare altre occasioni per sostenere ancora di più le scuole italiane», aggiunge Busnelli.

Le scuole con più credito

Le scuole che più hanno «guadagnato» crediti virtuali con Un Click per la scuola sono l’istituto comprensivo Giuseppe Montezemolo di Roma l’Istituto Comprensivo piazza Leonardo da Vinci a Milano. Le due grandi città coprono gran parte dei primi posti in classifica, «soprattutto perché in queste città sono presenti realtà scolastiche con una lunga tradizione e un elevato numero di studenti che possono contare su un’ampia comunità che li ha sostenuti con i propri acquisti su Amazon.it, scegliendoli come destinatari delle donazioni», spiega Busnelli. «Dalle classifiche emerge però che scuole di tutto il territorio nazionale hanno ricevuto donazioni, segno che l’iniziativa ha avuto una diffusione capillare». Nello specifico 767 istituti comprensivi hanno ricevuto più di 500 euro e 2.201 istituti hanno ricevuto almeno 250 euro.

corriere.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Intesa e Artes alleate per la ricerca sulla robotica

Next Article

Coronavirus, richieste di presenza a scuola di docenti in assenza di lezioni e riunioni come recupero ore non lavorate

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.