All’Università in velocità

Presso la Facoltà di Ingegneria della Federico II di Napoli “Lezioni di Formula 1” con Sebastien Buemi

Si è tenuta oggi alla Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II la conferenza dal titolo “Lezioni di Formula 1” con due professori d’eccezione l’ingegnere del team Tororosso Gianvito Amico e il pilota Sebastien Buemi.
Un incontro molto atteso dagli studenti non soltanto per il contenuto, ma anche perché per tanti la F1 è una vera e propria passione. “Sono un appassionato di Formula 1, mi piacciono i lavori in team e sono qui anche per capire come si lavora in gruppo. Questa infatti è una delle competenze che viene richiesta sempre più ad un ingegnere”. Così Enrico studente di Ingegneria meccanica ha manifestato il suo interesse per la conferenza continuando “la Formula 1 è uno sport, un gioco, ma dietro c’è anche un duro lavoro”.
Per molti studenti è un’occasione per entrare in contatto con un contesto lavorativo molto ambito soprattutto da laureandi e laureati in ingegneria meccanica. Federico, infatti, ha raccontato “spero sia un incontro interessante, questa per me potrebbe essere una possibile via da percorrere, una prospettiva lavorativa futura”.
Molte anche le ragazze presenti, Cira, studentessa presso la facoltà, ha detto “La Formula 1 è una mia passione, uno sport che mi piace molto. Tra l’altro ritengo che la possibilità di incontrare l’ingegnere Amico sia molto stimolante”.
La conferenza si è aperta con la presentazione di UniNa Corse da parte di Bruno Astarita, team leader della squadra composta da studenti della Federico II, nonché organizzatori dell’evento, che hanno presentato un progetto di costruzione di una mono posto da competizione.
“L’iniziativa – ha spiegato Carlo Carrelli responsabile marketing di UniNa Corse – nasce dal tentativo di avviare una collaborazione con la Redbull. Lo scopo è cercare di far aumentare la nostra visibilità attraverso questa collaborazione ed esporre anche i nostri progetti”. Ma come lo stesso Carlo ha sottolineato è ancora un altro l’aspetto importante di questo incontro “ascoltare consigli pratici da chi vive in prima persona questo lavoro è un’opportunità davvero importante”.
Molte domande sono state poste da ragazzi e dai docenti sia a Buemi che all’ingegnere Amico, entusiasti della forte partecipazione dei presenti. “È stato molto bello vedere tutte queste persone interessate alla Formula 1, domani mattina approfitterò per farmi un giro per Napoli” ha così concluso Buemi.
Simona Giocondo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sun, mozione al ddl Gelmini

Next Article

Social Network & Self branding

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.