All’Università di Salerno sbarca il primo corso di studi sui videogames

Università dei videogiochi

L’Università per videogiochi sbarca a Salerno. L’Ateneo campano si prepara ad ospitare il primo corso di studi dedicato al mondo dei videogames. Nello specifico i percorsi formativi saranno due: l’Animation, rivolto al tecnici nella produzione e realizzazione di contenuti audiovisivi animati, e il Videogames, per la formazione di tecnici per la produzione  e realizzazione di videogames.

A portare avanti il progetto è l’università non statale Link Campus University di Roma, attiva da tempo nell’ambito dell’economia, della comunicazione e dell’arte. A gestire il tutto ci penserà lo IUDAV (Istitute University Digital Animation e Videogames).

Lo scopo del progetto è creare nel nostro paese una nuova generazione di professionisti dell’animazione e dei videogames, che portino il mercato italiano ai livelli di quello internazionale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Quale modello di futuro", il primo referendum degli universitari on line

Next Article

Cobas, contro i test Invalsi, proclamato lo sciopero

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.