Al via il concorso ordinario infanzia e primaria a dicembre: quasi 13mila posti

Gli iscritti sono 110mila. La prova sarà di 100 minuti e si svolgerà tra il 13 e il 21 dicembre.
Teacher helping girl in homework

Le prove del concorso ordinario infanzia e primaria si terranno dal 13 al 21 dicembre. Le nuove modalità di svolgimento del concorso ordinario sono state pubblicate del Ministero in una nota.

Si tratta del concorso ordinario per posti comuni e di sostegno nella scuola primaria e dell’infanzia, bandito ad aprile 2020, che recepisce le modifiche alle modalità di svolgimento dei concorsi ordinari introdotte dal decreto legge “Sostegni Bis” convertito in legge nel luglio 2021.

Sul sito del Ministero è possibile trovare l’avviso contenente il calendario di svolgimento delle prove scritte: per ciascun tipo di scuola e per ciascuna tipologia di posto (scuola primaria posto comune, scuola primaria sostegno, scuola infanzia posto comune, scuola infanzia sostegno) la prova si svolgerà nello stesso giorno su tutto il territorio nazionale.

100 minuti la durata della prova

Le prove si svolgeranno nei giorni 13, 14, 15, 16, 17, 20 e 21 dicembre 2021. Avranno luogo nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda di partecipazione. Ciascuna prova avrà la durata di 100 minuti.

L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione e con l’indicazione della destinazione dei candidati, è reso noto dagli Uffici Scolastici Regionali presso i quali si svolge la prova almeno quindici giorni prima della data di svolgimento, tramite avviso pubblicato all’albo e sul sito internet.

Non essendo prevista la riapertura dei termini per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso, si tiene conto esclusivamente e senza alcuna integrazione di quelle inoltrate entro il 31 luglio 2020.

I titoli saranno valutati esclusivamente ai candidati che supereranno sia prova scritta che prova orale. Ai titoli culturali e professionali viene attribuito il punteggio massimo complessivo di 50 punti.

I numeri dei posti di primaria e infanzia

Sono 12.863 i posti a bando e 76.757 le domande pervenute per la partecipazione. Con una domanda era possibile fare richiesta di partecipazione per più di un insegnamento/tipo di posto.

Per questo il totale degli iscritti al concorso è pari a 107.160, di cui 33.246 per i posti comuni della Scuola dell’infanzia, 3.059 per i posti di sostegno della Scuola dell’Infanzia, 64.136 per i posti comuni della Primaria e 6.719 per i posti di sostegno della Primaria.

I candidati che non ricevono comunicazione di esclusione dalla procedura sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova scritta, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, del codice fiscale, della ricevuta di versamento del contributo di segreteria, nonché della “certificazione verde”.

Svolgimento della prova

Essenzialmente la prova scritta sarà computer based, con cinquanta quesiti a risposta multipla:

  • posti comuni: 40 quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle competenze e delle conoscenze in relazione alle discipline oggetto di insegnamento nella scuola primaria e ai campi di esperienza nella scuola dell’infanzia;
  • posti di sostegno: 40 quesiti a risposta multipla inerenti alle metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità, finalizzati a valutare le conoscenze dei contenuti e delle procedure volte all’inclusione scolastica degli alunni con disabilità;
  • per i posti comuni e di sostegno, cinque quesiti a risposta multipla inerenti la conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e cinque quesiti a risposta multipla inerenti le competenze digitali nell’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

  • Quindi ciascun quesito consiste in una domanda seguita da quattro risposte, delle quali solo una è esatta. L’ordine dei quesiti sarà somministrato in modalità casuale per ciascun candidato.
  • Total
    7
    Shares
    Lascia un commento
    Previous Article

    Linee guida contro l’antisemitismo. Santerini: “i docenti devono stimolare la riflessione ai pregiudizi”

    Next Article

    Roma: Morgagni, Newton, Machiavelli e Righi occupati. Salgono a 16 i licei che protestano

    Related Posts
    Leggi di più

    Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

    Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
    Leggi di più

    Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

    I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
    Leggi di più

    Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

    Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.