Abruzzo regione leader per investimenti in ricerca

Schermata 2013-01-22 a 13.01.38

“L’Abruzzo è la prima regione d’Italia, secondo una ricerca del Sole 24 Ore, per investimenti nel campo della ricerca e dell’innovazione”, lo ha detto il presidente della Regione Gianni Chiodi, durante la presentazione del Polo chimico farmaceutico nato all’Aquila per iniziativa del consorzio Capitank e della Regione.

Dopo aver destinato 80 milioni alla ricerca e allo sviluppo, l’Abruzzo punta ora ancora più in alto, stanziando 100 milioni di euro.

Motore di questo investimento sarà il nuovo Polo chimico farmaceutico del capoluogo abruzzese, che ha raccolto le adesioni di 2 centri di ricerca, di numerosi spin-off universitari e di 34 aziende del settore, tra le quali anche le quattro case farmaceutiche più note della regione.

Si punta quindi a favorire la crescita economica, attraverso l’implementazione di progetti di ricerca e sviluppo in campo chimico, farmaceutico, biomedicale, logistico e ambientale.

“La sfida è quella di creare un indotto. Promuovere l’innovazione all’interno della filiera è fondamentale, così come favorire la competitività delle aziende, ma solo con progetti di ricerca affidabili, possiamo favorire la crescita economica”, ha detto Chiodi.

La delocalizzazione delle aziende, secondo il Presidente della Regione, è dovuta alle condizioni sfavorevoli, che spingono le imprese nazionali a spostare in altre nazioni i loro centri di produzione.

Il problema italiano sarebbe, dunque, prima di tutto, una crisi industriale e di sistema.

Forti le critiche ai costi dell’energia e agli oneri fiscali che si devono sostenere in Italia, ritenuti  nettamente superiori rispetto a quelli di altri stati.

“Ecco perché”, ha concluso Chiodi, “bisogna puntare sulla ricerca e l’innovazione, come sta avvenendo in Abruzzo, con questo network di aziende, istituti di ricerca e università, che operano con il comune intento di stipulare accordi di collaborazione e di favorire l’accesso ai finanziamenti europei”.

 

A.Z.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il perfetto manager ha un fisico asciutto

Next Article

Un caso di tubercolosi all'università di Udine

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.