A Pisa un team identifica il meteorite

meteorite in RussiaDiametro di circa 15 metri, peso intorno alle 7 mila e 10 mila tonnellate:  Andrea Milani, ricercatore dell’Università di Pisa, ha tracciato l’identikit del meteorite esploso il 15 febbraio nei cieli di Chelyabinsk, in Russia.

“L’oggetto è esploso ad un’altezza di circa 10-20 chilometri. Al suolo è arrivata solo l’onda d’urto provocata dall’esplosione”, ha spiegato il responsabile del gruppo di ricerca NeoDys, specializzato nel calcolo delle orbite degli asteroidi più vicini alla terra.

E ha continuato: “Se l’oggetto fosse stato più grande, probabilmente sarebbe esploso più in basso, come accaduto con Tunguska, e al suolo sarebbe arrivata anche la palla di fuoco dell’esplosione”.

Andrea Milani ha proposto alla comunità internazionale di mettere a punto un sistema di sorveglianza degli asteroidi, per prevenire eventuali disastri. L’Agenzia Spaziale Europea (Esa) ha dichiarato che l’oggetto è entrato nell’atmosfera alla velocità di 18 chilometri al secondo, traducibili in 64mila chilometri orari.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'appello di don Ciotti agli studenti: "Non voltate lo sguardo"

Next Article

Feltri su Giannino: "E' un pazzo millantatore"

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.