A Padova l’ora di religione si studia con il rap

Schermata 2013-01-22 a 13.13.31

L’avanguardia della religione cattolica è il rap.

La proposta arriva della Diocesi di Padova, che ha voluto sperimentare un nuovo modo di promuovere lo studio della materia nelle scuole, sfruttando l’appeal del Rhytm And Poetry, la musica  nata dal culto dell’hip hop.

Il “rap dell’ora di religione”, così è stato definito, si propone di diventare virale. E soprattutto,   pensa internazionale e multiculturale.

L’Ufficio Scuola diocesano ha predisposto infatti depliant, video e spot sulla rete, realizzati in sei lingue diverse (italiano, inglese, francese, romeno, arabo e cinese) per avvicinare alle tematiche gli alunni stranieri.

La Diocesi ha sottolineato che a Padova si registra una presenza di circa il 50% di alunni stranieri nelle scuole in cui si tengono lezioni di religione.

A sostenere che “la scuola dell’integrazione abbia bisogno di programmi inclusivi, anche per la religione cattolica”, era stato Profumo. “Il paese è cambiato. Nelle scuole ci sono studenti che vengono da culture, religioni e paesi diversi. Credo che debba cambiare il modo di fare scuola, che debba essere più aperto”, aveva detto.

L’affermazione aveva sollevato numerose polemiche ma il presidente della Commissione Cei per la Scuola, monsignor Gianni Ambrosio, aveva affermato: “la proposta dell’insegnamento della religione cattolica è già cambiata. Non è di certo una lezione di catechismo, bensì un’introduzione a quei valori fondanti della nostra realtà culturale che trovano la loro radice nel cristianesimo”.

Si tratta dello studio di una religione, quella cattolica, o di tutte le religioni?

Sempre più spesso, si è assistito a genitori che hanno scelto di non fare studiare la materia ai propri figli, per paura che dallo studio si passi “all’indottrinamento”.

Servirà una nuova generazione di “freestyler” tra gli insegnanti di religione, per dissuaderli e per ricordare che i programmi dovrebbero aprirsi al confronto tra tutte le religioni, per favorire la tolleranza e l’integrazione?

 

A.Z.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un caso di tubercolosi all'università di Udine

Next Article

Ruzzle, il social game del momento, ci rende colti

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.