A Milano master in Data Management

L’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l’Istituto Auxologico Italiano ha attivato per il prossimo anno accademico il master di I livello in Data Management per la Ricerca Clinica. Un’offerta formativa unica nel panorama accademico che punta, anche in vista della crescita dell’offerta lavorativa nel campo, alla formazione di una figura professionale provvista delle nozioni necessarie per fare da ponte tra la sperimentazione medica e l’analisi dei dati.

La conoscenza approfondita dei processi operativi, perfezionata da competenze e esperienze di ruoli diversi, rende più efficiente la realizzazione di uno studio clinico. «La ricerca – sottolinea Antonella Zambon, direttore del master – necessita di figure professionali capaci di affrontare con competenza le inevitabili problematiche che si presentano nel corso dello studio. Persone che possano comprendere i ruoli coinvolti in un’ottica di cooperazione e in grado di lavorare al fianco di ricercatori e medici fornendo loro soluzioni efficaci alle problematiche che si possono presentare».

Il master offre ai giovani laureati le conoscenze teoriche necessarie a intraprendere carriere professionali come Data Manager o Clinical Research Associate all’interno di strutture pubbliche, ospedali e istituti di ricerca, in organizzazioni private, aziende farmaceutiche e Contract Research Organization (CRO).

Docenti dell’Università di Milano-Bicocca e professionisti con una lunga esperienza lavorativa nei diversi settori operativi hanno steso un programma innovativo in cui teoria e pratica si integrano a vicenda per la durata di un anno. Il master si articola in lezioni frontali ed esercitazioni in laboratori per un totale di 296 ore di lezione. È inoltre previsto uno stage obbligatorio di 500 ore presso aziende pubbliche o private convenzionate che consente agli iscritti di misurarsi con le conoscenze acquisite in aula mettendole in pratica.

La presentazione del programma avrà luogo venerdì 20 luglio, dalle ore 11, presso l’Aula tesi della Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università di Milano-Bicocca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Telethon: fondi per la ricerca in Campania

Next Article

Giunta comunale, il rimpasto del sindaco

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).