A Milano ciclo di seminari sui rapporti tra oriente e occidente

Parte l’8 gennaio a Milano un ciclo di 11 conferenze sui rapporti tra Occidente ed Oriente “dall’antichita’ al Rinascimento”. Il seminario e’ organizzato dall’Istituto studi umanistici Francesco Petrarca e dal Centro di cultura Italia-Asia.

Gli incontri si terranno all’universita’ Cardinal Colombo, in piazza San Marco 2. La prima lezione vertera’ sul tema dell’arte del Gandhara, zona di contatto tra gli attuali Afghanistan e Pakistan, cioe’ sull’incontro tra buddhismo e cultura classica.

“Avremo l’opportunita’ – afferma Nicoletta Spadavecchia, presidente del Centro Asia-Italia – di gettare uno sguardo a periodi storici ricchi di cultura e a civilta’ che, come a noi, interessano ad un numero sempre maggiore di persone. Siamo certi che la conoscenza e l’approfondimento delle culture ‘altre’ contribuisca alla reciproca comprensione tra i popoli e allo sviluppo di una civile convivenza nel rispetto delle reciproche tradizioni culturali”.

Le relazioni riguarderanno sei aree culturali (Medio Oriente, subcontinente indiano, sudest asiatico, Mongolia, Cina e Giappone) e spazieranno dall’arte ai regni dell’India meridionale, dall’impero Khmer alla figura di Gengis Khan. Prenderanno in esame gli incontri tra Oriente e Occidente nel corso dei secoli, dai viaggiatori arabi a Marco Polo e Pigafetta, alle missioni cristiane in Cina, fino ad un incontro particolare di un’ambasceria giapponese a Milano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, ragazze più brave per ragioni di condotta

Next Article

Arriva baguetting, la moda che spopola nel 2013

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".