A mensa con la Carta Ateneum

Il Sannio e l’ADiSU hanno riaperto la mensa ristrutturata. In distribuzione la Carta Ateneum, una prepagata per acquistare i pasti.

Il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi del Sannio Filippo Bencardino e il Presidente dell’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario di Benevento Paolo Ricci, hanno inaugurato la già nota mensa universitaria di via Calandra in occasione della ristrutturazione e riapertura al pubblico.
“In questo momento difficile per l’Università italiana vogliamo dare un segnale positivo agli studenti. Grazie anche all’impegno dell’Adisu riusciamo a migliorare i servizi offerti ai nostri iscritti” ha affermato il Rettore Bencardino. Obiettivo primario dell’Adisu è garantire servizi di qualità agli studenti rispettando i limiti imposti dalla regione come ha spiegato il prof. Ricci: “La Regione ci ha chiesto di limitare le nostre azioni garantendo solo i servizi essenziali. Ciò significherà un taglio ai finanziamenti per le attività culturali e le iniziative di studio per gli studenti che quest’anno, invece, siamo riusciti a finanziare. Un sacrificio ulteriore nell’ambito di una già cronica difficoltà per l’Azienda, dovuta alla scarsità di risorse umane”.
Oltre ad un look totalmente rinnovato, l’azienda sta già provvedendo alla distribuzione della Carta Ateneum ovvero una prepagata con cui acquistare i pasti alla mensa. All’inaugurazione hanno preso parte anche il direttore amministrativo dell’Università del Sannio Gaetano Telesio e il direttore dell’Azienda per il diritto allo studio Antonio Scianguetta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unifi, sarà il Tar a decidere sui test

Next Article

Come si diventa insegnanti: ecco le nuove regole

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale