8 marzo, musei gratis per le donne

musei gratis per le donne

In tutta Italia iniziative per l’8 marzo a sostegno delle donne e del loro accesso ai principali siti architettonici e museali

ROMA – Per la festa della donna è previsto l’ingresso gratuito per le donne in tutti i Musei del Sistema Musei Civici di Roma, tra cui la Centrale Montemartini, i Musei Capitolini, il Museo dell’Ara Pacis, i Musei di Villa Torlonia, il Museo di Roma in Trastevere e i Mercati di Traiano.

FIRENZE – Ingresso gratuito per tutte le donne, sabato 8 marzo, anche nei musei civici fiorentini: senza alcuna prenotazione sarà possibile visitare Palazzo Vecchio (ore 9-19), il museo Stefano Bardini (ore 11-17), il museo Salvatore Romano (ore 10-16) e il complesso di Santa Maria Novella (ore 9-17). La prenotazione è invece obbligatoria e gratuita per le visite alla Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio (ore 10-17, ultimo ingresso ore 16.30) e alla Cappella Brancacci (ore 10-17, ultimo ingresso ore 16.20)

NAPOLI – Anche a Napoli, in occasione dell’8 marzo, sarà consentito l’ingresso gratuito a tutte le donne all’interno dei musei, ville, monumenti, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali. Molte le iniziative a tema in programma: al Museo Archeologico Nazionale, alle 17, partirà il percorso guidato “Donne al Museo tra mito e realtà”, a cura di Pierreci Codess; mentre dalle 17 alle 19, al Salone d’Ercole di Palazzo Reale si terrà “Una donna per l’arte. Artemisia Gentileschi, ospite nelle stanze della regina”.

TORINO – Diversi gli appuntamenti a Torino e provincia in occasione della Festa della Donna. A Palazzo Dal Pozzo della Cisterna si ripercorreranno le prime tappe della tutela dell’infanzia e della maternità nella Torino ottocentesca. Dall’8 al 15 marzo poi, le donne di sport potranno visitare il Museo Egizio pagando un biglietto a tariffa scontata. Biglietti ridotti anche per le donne che da lunedì 10 a venerdì 14 marzo vorranno andare al cinema.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le piante potranno resistere alle inondazioni

Next Article

Le 100 Università migliori. Nessuna è italiana

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.