6 mila origami degli studenti per i diritti delle donne

Alcuni studenti del progetto “Scuole amiche dei diritti umani” hanno consegnato al Capo Ufficio Diritti umani del Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Massimo Santoro, 5.728 origami e 13.269 firme raccolti tra l’8 marzo e il 20 maggio, in collaborazione con Amnesty International Italia, nell’ambito della campagna dedicata alle donne difensori dei diritti umani.
L’azione intendeva infatti sollevare l’attenzione sui casi di Bibata Quedraogo, Su Changlang, Eren Keskin, Máxima Acuña ed Helen Knott, donne che hanno dedicato la propria vita a combattere per i diritti umani delle loro sorelle. Provenienti da cinque paesi diversi – Burkina Faso, Cina, Turchia, Perù e Canada – spesso affrontano minacce e persecuzioni per il loro lavoro quotidiano contro stereotipi di genere, strutture del potere, norme patriarcali, religiose o inerenti ai diritti sessuali. 
Per questo, Amnesty International Italia chiede al Governo di impegnarsi a riconoscere il ruolo di coloro che difendono i diritti umani e in particolar modo alle donne che in tutto il mondo con la loro vita sono esempio di lotta, promuovendo il loro operato sia in Italia che all’estero. Il gruppo di studenti della scuola media statale “Padre Pio Torremaggiore” di Foggia e del liceo classico Plauto di Roma, in rappresentanza di tutte le scuole italiane partecipanti, ha potuto consegnare le 14 mila firme che andranno al Ministro degli Esteri Angelino Alfano. 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fumo, cresce il consumo tra gli studenti

Next Article

Le Fiamme Oro brillano al salone d'Onore del CONI

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno