480 posti di lavoro in meno ogni giorno: è la crisi, bellezza

La crisi economica che ha colpito l’Italia negli ultimi anni ci è costata 480 posti di lavoro in meno ogni giorno. E’ quanto ha calcolato l’ufficio studi della Confartigianato in uno studio sul mercato del lavoro dal 2008 ad oggi.

rockefeller-lavoro

La crisi economica che ha colpito l’Italia negli ultimi anni ci è costata 480 posti di lavoro in meno ogni giorno. E’ quanto ha calcolato l’ufficio studi della Confartigianato in uno studio sul mercato del lavoro dal 2008 ad oggi. Se infatti nell’aprile 2008 gli occupanti erano 23 milioni e 541mila, a dicembre 2012 gli occupati sono stati calcolati dall’Istat in 22 milioni e 723 mila, cioè 818mila posti di lavoro in meno rispetto a quattro anni e mezzo prima, vale a dire 480 posti persi ogni giorno. A questo punto si allontana sempre di più per il nostro Paese l’obiettivo “Europa 2020″ stabilito nella conferenza di Lisbona che prevedeva per l’Italia un target del 67-69% di occupati nella fascia d’età 20-64 anni.

Nel 2008 eravamo al 63% di occupati cioè a solo meno quattro per cento dall’obiettivo previsto, ma con la crisi economica mondiale non solo non sono aumentati i posti di lavoro, ma l’occupazione ha subito una costante diminuzione fino ad arrivare ad un tasso di occupazione del 61% nella fascia di età considerata. A farne le spese soprattutto i lavoratori fino a 35 anni il cui tasso di occupazione è diminuito di circa il 20% vale a dire quasi un milione e mezzo di posti di lavoro in meno, a fronte di un incremento di 600mila unità tra gli occupati con più di 55 anni. Da segnalare anche la trasformazione del lavoro che nel quinquennio preso in esame dall’associazione degli esercenti ha visto gli occupati a tempo pieno diminuire del 5,1% mentre quelli con contratti part-time sono aumentati dell’11,3%.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Wep, scambi culturali tra Italia e Estero

Next Article

Bersani: per un paese migliore più risorse e docenti

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".