3000 tirocini retribuiti per i Neet di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia

3000 tirocini neet

Tirocini per Neet Pubblicato il bando di Italia lavoro destinato a laureati che non studiano né lavorano Stage in azienda di 6 mesi, con borse di studio che vanno dai 500 ai 1.300 euro

 

In arrivo tremila tirocini retribuiti per i ragazzi che hanno completato il loro percorso di studi ma ancora non lavorano. È il progetto di Italia lavoro rivolto ai Neet (Not in Education, Employement or Training).

Il bando si rivolge esclusivamente a studenti residenti in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, regioni in cui verranno attivati i tirocini. Tuttavia, per 200 ragazzi, ci sarà la possibilità di svolgere il tirocinio anche in altre regioni.

I partecipanti alla selezione dovranno avere un’età compresa tra i 24 e i 35 anni, e aver conseguito la laurea in uno dei seguenti gruppi disciplinari: geo-biologico; letterario; psicologico; giuridico; linguistico; agrario; politico-sociale.

Inoltre, non dovranno essere iscritti a un percorso di formazione né avere un contratto di lavoro.

Il tirocinio ha durata semestrale e verrà retribuito con una borsa di 500 euro mensili, che possono salire fino a 1.300 per gli studenti che svolgeranno il tirocinio al di fuori della propria regione di residenza.

Le candidature potranno essere presentate a partire dal 23 settembre tramite il sito Cliclavoro.gov.it, mentre tutte le informazioni relative al bando sono consultabili a questo link.

Italia Lavoro è una società partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che opera come ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell’occupazione e dell’inclusione sociale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Classifiche Università, parla il rettore Frati: "La Sapienza non ne esce male. Non paghiamo i valutatori"

Next Article

Cuneo, Prof fa sesso con studentesse: arrestato

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.