3000 tirocini retribuiti per i Neet di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia

3000 tirocini neet

Tirocini per Neet Pubblicato il bando di Italia lavoro destinato a laureati che non studiano né lavorano Stage in azienda di 6 mesi, con borse di studio che vanno dai 500 ai 1.300 euro

 

In arrivo tremila tirocini retribuiti per i ragazzi che hanno completato il loro percorso di studi ma ancora non lavorano. È il progetto di Italia lavoro rivolto ai Neet (Not in Education, Employement or Training).

Il bando si rivolge esclusivamente a studenti residenti in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, regioni in cui verranno attivati i tirocini. Tuttavia, per 200 ragazzi, ci sarà la possibilità di svolgere il tirocinio anche in altre regioni.

I partecipanti alla selezione dovranno avere un’età compresa tra i 24 e i 35 anni, e aver conseguito la laurea in uno dei seguenti gruppi disciplinari: geo-biologico; letterario; psicologico; giuridico; linguistico; agrario; politico-sociale.

Inoltre, non dovranno essere iscritti a un percorso di formazione né avere un contratto di lavoro.

Il tirocinio ha durata semestrale e verrà retribuito con una borsa di 500 euro mensili, che possono salire fino a 1.300 per gli studenti che svolgeranno il tirocinio al di fuori della propria regione di residenza.

Le candidature potranno essere presentate a partire dal 23 settembre tramite il sito Cliclavoro.gov.it, mentre tutte le informazioni relative al bando sono consultabili a questo link.

Italia Lavoro è una società partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che opera come ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro, dell’occupazione e dell’inclusione sociale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Classifiche Università, parla il rettore Frati: "La Sapienza non ne esce male. Non paghiamo i valutatori"

Next Article

Cuneo, Prof fa sesso con studentesse: arrestato

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.