180 stage in diverse multinazionali

tirocinio

La crisi coinvolge anche le grosse multinazionali, anche se non è chiaro in quale misura.
Appare però legittimo il sospetto che la crisi stia diventando una facile giustificazione anche per realtà  protagoniste da sempre del mercato mondiale.
Una pioggia di tirocini per i giovani e poche possibilità di inserirsi nell’azienda.  Si tratta comunque, però, di posizioni retribuite.

Per il 2013, l’Oreal, Nestlé, Henkel e Prokter and Gamble hanno dato il via alla ricerca di 180 risorse da inserire nel proprio organico.

Procter&Gamble ha dato il via a ben 25 internship retribuiti a Roma e a Ginevra. Le figure professionali richieste dovranno avere competenze nelle seguenti aree: commerciale, marketing,  finanza, produzione, logistica.
Disponibilità a viaggiare e conoscenza dell’inglese sono condizioni indispensabili per potersi candidare.

Cento su cinque ce la fanno:
L‘Oreal ha aperto ben 100 posizioni nelle aree: commerciale, finanza, gestione, marketing, supply chain. L’esperienza durerà circa 6 mesi. L’Oreal, inoltre, dà la possibilità a 5 profili di partecipare al programma Lab: questi tenteranno la strada della formazione per diventare futuri manager dell’azienda.

Sono 55 gli stage offerti da Henkel Italia. Gli studenti potranno svolgere un periodo di formazione fuori dal territorio nazionale, per quanto la Henkel si rivolga principalmente a giovani che hanno già avuto contatti precedenti con l’azienda.

La Nestlé seleziona  neolaureati in economia, ma anche marketing, trade marketing o ingegneria gestionale. I profili selezionati verranno inseriti per sei mesi nelle strutture milanesi e svolgeranno diverse funzioni fra le quali quella di assistant customer development, assistant trade maketing o assistant brand manager.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso e-book: in palio, 2000 euro per la retta universitaria

Next Article

Olimpiadi di italiano, in finale 4 studenti

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).