100mila dollari per un lavoro di sei mesi in Australia

Schermata 2013-03-06 a 14.50.20

L’ente del turismo australiano offre agli aspiranti di tutto il mondo la possibilità di svolgere per sei mesi uno dei migliori lavori al mondo, con una paga da sogno.
Guardiano di un parco naturale, custode di un’isola di canguri, esploratore dell’Outback, fotografo trendy per le vie di Melbourne, specialista del divertimento e maestro del gusto: questi i sei mestieri più belli della terra, secondo Tourism Australia.

Coloro che vinceranno otterranno un contratto di sei mesi e una paga da ben centomila dollari. Mentre tutti gli altri Paesi combattono l’immigrazione, l’Australia tenta di promuoverla attraverso il Working Holiday Maker, programma di vacanze di lavoro, che fornisce uno speciale visto valido per 12 mesi ai giovani tra i 18 e i 30 anni, volto allo svolgimento di un lavoro occasionale o temporaneo.

“L’Australia è lontana e andarci costa caro, per questo per molti giovani i programmi come il Working Holiday Maker rappresentano l’occasione di pagarsi il viaggio”, ha spiegato Andrew McEvoy, direttore dell’ente del turismo australiano.

E all’Italia ha detto: “Considerando gli altissimi livelli di disoccupazione giovanile che ci sono nel vostro Paese, incoraggiamo i vostri giovani a richiedere questo tipo di visto, con cui potranno scoprire più a fondo la nostra terra”. Nel 2009, Tourism Australia aveva trasformato Ben Southall in guardiano della Grande Barriera Corallina. L’uomo aveva vinto il premio battendo ben 34mila altri concorrenti provenienti da 200 nazioni diverse.

AZ

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Scuola digitale. L'Ocse, l'Italia è indietro rispetto all'Europa

Next Article

#succedesolonellamiascuola, il racconto della scuola italiana dalla parte degli studenti

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).