10 dicembre, Human Rights Day

La Giornata dei diritti umani si celebra ogni anno il 10 dicembre, il giorno in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato, nel 1948, la Dichiarazione universale dei diritti umani.
La Dichiarazione universale dei diritti umani dà potere a tutti noi. I principi sanciti nella Dichiarazione sono rilevanti oggi come lo erano nel 1948. Dobbiamo difendere i nostri diritti e quelli degli altri. Possiamo agire nella nostra vita quotidiana, per difendere i diritti che ci proteggono e quindi promuovere la parentela di tutti gli esseri umani.
Nel dicembre del 1948, l’UNESCO è stata la prima agenzia delle Nazioni Unite a porre la Dichiarazione universale al centro di tutta la sua azione, per promuoverla in tutto il mondo attraverso l’istruzione e i media.
I diritti umani acquistano un nuovo significato quando diventano realtà nella vita quotidiana di ogni singola persona al mondo. Portare a casa i diritti umani è al centro della missione dell’UNESCO in tutti i suoi settori di competenza: istruzione, scienza, cultura e comunicazione. Nel contesto della commemorazione del 70 ° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani (UDHR), l’UNESCO mette in primo piano la centralità della protezione dei diritti umani nella storia e nel mandato dell’Organizzazione.
# StandUp4HumanRights
#ItStartsWithMe

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Musica moderna per i classici della poesia latina

Next Article

Inail pubblica la nuova edizione del Dossier Scuola

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.